lunedì 28 settembre 2009

Installazione del framework symfony

È il momento di iniziare lo sviluppo di Lyra. Come ho già detto detto utilizzerò Linux Ubuntu come server di sviluppo. Comunque la documentazione ufficiale (a partire dal già citato Getting started with symfony) riporta le istruzioni necessarie a configurare ed utilizzare symfony anche sotto Windows.

La prima cosa da fare è creare una cartella per il progetto, io ho scelto di crearla all'interno di una cartella sfprojects nella mia 'home'. Essendo gmassi il mio mome utente su Ubuntu il percorso completo è

/home/gmassi/sfprojects/lyra

All'interno di questa cartella ne va creata un'altra lib e al suo interno un'altra ancora vendor

/
  home
    gmassi
      sfprojects
        lyra
          lib
            vendor

A questo punto possiamo installare il framework. Dalla pagina di download scarichiamo il pacchetto con l'ultima versione disponibile di symfony (symfony-1.2.8.tgz) e lo decomprimiamo nella cartella vendor. La decompressione dell'archivio genera una cartella symfony-1.2.8 che deve essere rinominata in symfony.

Il risultato finale dell'operazione deve essere questo:

/
  home
    gmassi
      sfprojects
        lyra
          lib
            vendor
              symfony
                data
                docs
                lib
                licenses
                test

Mostro solo il primo livello sotto la cartella symfony, ma ci sono ovviamente altre sottocartelle. Per verificare che l'installazione del framework sia andata bene posizioniamoci nella cartella del progetto digitando in una finestra terminale

cd ~/sfprojects/lyra

A beneficio dei meno esperti di Linux ricordo che ~ (tilde) indica la cartella 'home' dell'utente corrente (nel mio caso /home/gmassi). Quindi verifichiamo il numero di versione di symfony con il comando

php lib/vendor/symfony/data/bin/symfony -V

Come ho già accennato precedentemente, già da qui si può notare che symfony richiede di poter eseguire script PHP da linea di comando almeno sul server di sviluppo.

A questo punto eseguo il commit delle modifiche su Google Code. Siamo alla revisione 3

Alla fine di ogni articolo scriverò sempre il numero di revisione corrente. Ogni client Subversion consente di estrarre dal repository con un'operazione di checkout o update lo stato dell'applicazione aggiornato ad un determinato numero di revisione. In questo modo non solo si avrà sempre a disposizione la versione più recente dell'applicazione, ma si potranno ricostruire tutte le fasi dello sviluppo attraverso le diverse revisioni.

Ad esempio se, come ho fatto io, si è creata la cartella del progetto come sfprojects/lyra nella propria 'home', e si è installato il client Subversion, per scaricare da Google Code l'applicazione al punto esatto dello sviluppo a cui siamo arrivati con questo articolo si possono utilizzare queste istruzioni da terminale

cd ~/sfprojects/lyra
svn checkout -r3 http://lyra-cms.googlecode.com/svn/trunk/ .

Attenzione al punto al termine della seconda riga, è importante metterlo. Se si omette l'opzione -r si scaricherà la versione più recente dell'applicazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.